Anti-droga. Operazioni congiunte nel Salento

Blitz dei Carabinieri in provincia per contrastare la coltivazione di droga. Otto denunciati

Il consumo di droga è sempre più dilagante in ogni ambito sociale. Ma da qualche tempo sta sempre prendendo più piede l’abitudine del “fai da te”, anche nella coltivazione dello stupefacente, canapa indiana in particolare. L’operazione antidroga condotta ieri in tutta la provincia di Lecce dai Carabinieri del Comando Provinciale di via Lupiae, coordinata dal procuratore aggiunto Antonio De Donno, ha infatti avuto lo scopo di accendere i riflettori su una “moda” sempre più in voga e che anche nel caso specifico coinvolge indistintamente giovani studenti, maturi impiegati, affermati professionisti e figli di papà in cerca di prima occupazione. Tutti indifferentemente legati da una unica passione per la “botanica”. Nel blitz di ieri che ha visto impegnati i militari di tutte le Compagnie dei Carabinieri della provincia di Lecce, sotto la direzione del Reparto Operativo, sono state: perquisite una trentina di abitazioni, denunciate otto persone per coltivazione e detenzione di stupefacenti, una persona è stata segnalata all’Autorità Prefettizia ed è stato sequestrato ingente quantitativo di droga e materiale per la coltivazione e il confezionamento. // L’operazione nel dettaglio Gallipoli: a casa di un 26enne sono stati rinvenuti dentro un rullino fotografico 7 grammi di semi di canapa indiana, materiale per la semina, due lampade per serra, fertilizzante, bottiglie contenenti acido fosforico, compresse di CO2, sodio idrossido, anidride carbonica, due termometri elettronici per misurare l’umidità, kit per conducibilità elettrica dell’acqua, riscaldatore per acquario, flaconi di insetticida per coccinella, cassette per germinazione di semi, nonché siringhe contenenti spore di funghi allucinogeni tipo CUBENSIS “Yosterezze”, CUBENSIS “Venezuela”, CUBENSIS “Mestizo”, CUBENSIS “Creepper”, CUBENSIS “South Africa”; Galatina: nel domicilio di un 21enne è stato rinvenuto un vaso di plastica con due piante di canapa indiana di mezzo metro di altezza, una lampada di 400 watt, tre timer elettrici, un ventilatore, un aspiratore, due ventole per p.c. usate per raffreddamento coltura, cinque lampade a basso consumo, un involucro in plastica con 14 semi di canapa indiana, un involucro con mezzo grammo di marijuana; Galatina: a casa di un 26enne sono stati rinvenuti 25 grammi circa di marijuana ed un bilancino di precisione; Galatone: a casa di un tabaccaio sono stati rinvenuti 16 grammi circa di marijuana, un grammo di hashish tutti custoditi tra la camera da letto e la cucina (in un barattolo di caffè) nonché una piante di canapa indiana di mezzo metro (custodita in veranda); Tricase: nell’abitazione di un 42enne sono stati rinvenuti 5 grammi di marijuana, due piantine di 1 metro e mezzo canapa indiana, situate in terrazza in una serra di un metro quadrato con all’interno impianto di aereazione ed illuminazione coperta da teli in plastica, termometro per misurare l’umidità del terreno, sette semi di canapa indiana seminati in una spugna, sette arbusti di pianta di canapa essiccato; Tricase: indosso ad un 40enne sono stati rinvenuti 3 grammi di hashish e nel giubbotto altri 11. Nella circostanza è stato segnalato al Prefetto un 19enne, studente trovato in possesso di 1 grammo di hashish; Porto Cesareo: nel cortile di casa di un 21enne sono state rinvenute 11 piante di canapa indiana di un metro circa, piantate nel terreno e vasi di plastica, materiale per confezionamento (bustine di plastica, nastro adesivo etc.); Corigliano d’Otranto: un 29enne durante la perquisizione della camera da letto si è messo in bocca un pezzo di hashish di mezzo grammo ma scoperto lo ha poi riconsegnato ai militari. Nel deposito di materiale nascondeva altri 7 grammi di hashish.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!