Cavallino. Un sit-in contro la centrale

Un sit-in di protesta per dire No alla centrale a biomasse a Cavallino. L'appuntamento è per domani alle ore 9.00 in piazza della Libertà a Lizzanello

È previsto per le ore 9.00, in piazza della Libertà a Lizzanello, il raduno per dire No alla centrale a biomasse a Cavallino. Alle ore 10.00 muniti di bici, moto, auto si confluirà presso il sottopassaggio dell'ipermercato Conad-Leclerc con i manifestanti dei comuni di San Cesario, Cavallino e San Donato. Nei pressi della discarica di Cavallino, potrebbe, infatti, sorgere a breve una centrale elettrica da trentasette megawatt, che brucerà oltre centosettanta tonnellate di olio al giorno. La paura è tanta, basti pensare al caso Copersalento, con le sue combustioni incontrollate, impianto di dimensioni inferiori rispetto alla centrale che si vorrebbe realizzare a Cavallino. E le intenzioni del comune non si fermano qui: infatti, è pendente in Regione la richiesta di un ampliamento di ottanta ettari della zona industriale per insediare lungo il confine un complesso energetico che comprenderà una seconda centrale a combustione solida (idonea anche alla combustione del combustibile derivato da rifiuto), uno stabilimento per il trattamento della parte umida dei rifiuti, nonché un impianto industriale per la produzione di idrogeno. L’impianto che si vorrebbe realizzare utilizza una tecnologia superata che non sfrutta in maniera ottimale il combustibile, infatti ha un’efficienza che non raggiunge neanche il 20%. Si tratta di due grandi motori diesel che bruceranno olio vegetale prodotto in Africa, tale sostanza sarà importata via nave fino a Brindisi e poi trasportata con immense autocisterne. Ecco alcuni dati dell’impianto: – oltre centosettanta tonnellate di olio vegetale bruciate ogni giorno come combustibile – venti autocisterne che ogni giorno lambiranno la zona per rifornire la centrale – più di tre ettari di dimensione totale della centrale con una canna fumaria alta trenta metri che diffonderà i fumi in un raggio di diversi kilometri – elevato consumo di acqua di falda (20.000 tonnellate di acqua utilizzate solo per il sistema di lavaggio fumi) E dopo il sit-in di domani, la protesta continuerà domenica, 6 giugno, alle ore 19.30 a Cavallino.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!