Diritti dei detenuti, ritorna il garante marchigiano

Martedì 1 giugno, a Palazzo Adorno, il garante dei diritti dei detenuti della Regione Marche sarà a disposizione associazioni, familiari e legali di detenuti rinchiusi nei penitenziari marchigiani

Nella mattinata del 1° giugno un collaboratore dell’Ufficio del Garante dei diritti dei detenuti della Regione Marche sarà nuovamente a Lecce, a Palazzo Adorno, a disposizione di familiari, legali, associazioni ed enti di promozione sociale che volessero segnalare situazione di persone rinchiuse nei penitenziari della Regione Marche. Il Garante dei diritti dei detenuti delle Marche è un organo di garanzia che, in ambito penitenziario, ha funzioni di tutela delle persone private o limitate della loro libertà personale. Egli si occupa di diritto al lavoro, alla formazione, alla crescita culturale alla tutela della salute, alla cura della persona, alla affettività in modo particolare in presenza di figli minori, e la sua attività è atta alla sensibilizzazione pubblica sul tema dei diritti umani e sulle finalità rieducative della pena, avvicinando la comunità locale al carcere. Per informazioni e per segnalare condizioni particolari è possibile visitare il sito internet ombudsmanmarche.jimdo.com.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!