De Giuseppe è il nuovo difensore civico provinciale

Succede a Giacinto Urso. Giorgio De Giuseppe è stato eletto all'unanimità lo scorso venerdì quale difensore civoco della Provincia di Lecce

Con unanime consenso e per alzata di mano, il Consiglio provinciale di Lecce lo scorso venerdì ha nominato difensore civico della Provincia il sen. Giorgio De Giuseppe, che ricoprirà la carica per cinque anni. “L’indicazione unanime da parte del Consiglio provinciale del nuovo Difensore civico rappresenta il momento certamente più elevato di questo avvio di Legislatura nell’assise provinciale, in cui la maggioranza e l’opposizione hanno dato dimostrazione del loro senso delle istituzioni e della volontà di andare oltre ogni steccato ideologico e coalizionale, laddove una figura come il sen. Giorgio De Giuseppe unisce e salda i valori della grande politica, del servizio e della difesa civica”. Così Antonio Gabellone, presidente della Provincia di Lecce ha voluto salutare “con estremo favore” la votazione unanime del Consiglio nella direzione di Giorgio De Giuseppe, “che raccoglie – ricorda e sottolinea Gabellone – con la sua esperienza istituzionale ed il suo indiscutibile valore umano la pesante ed altrettanto importante esperienza a Palazzo Adorno dell’on. Giacinto Urso, che in tanti anni di difesa civica è stato costantemente punto di riferimento degli amministratori provinciali, pungolo a governi quanto più oculati e attenti alle attese del territorio, protesi verso il bene del Salento”. “Il valore morale e istituzionale della scelta del sen. De Giuseppe – conclude Gabellone – rappresenta allo stesso modo un punto di partenza per tutti noi, per tutti gli amministratori di questa provincia che si sentono quotidianamente impegnati in favore della crescita di questa terra”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!