Abusò della figlia. Chiesti otto anni

Secondo l'accusa avrebbe abusato della figlia per tre volte. Chiesti otto anni di reclusione per un 49enne di Leverano. La sentenza il 7 luglio

La condanna invocata dalla pm Angela Rotondano è di otto anni. La sentenza dei giudici è attesa per il 7 luglio. Le accuse che gravano su un 49enne di Leverano, da due anni ai domiciliari, sono molto gravi: violenza sessuale nei confronti della figlia di 14 anni. I fatti risalirebbero al dicembre 2007. A quell’epoca i genitori della ragazzina erano separati. L’uomo avrebbe approfittato di lei in tre circostanze, tra il 16 ed il 27 dicembre; e lei, poco più che una bambina, non avrebbe trovato subito il coraggio di raccontare tutto. Solo al rientro dalle vacanze estive si sarebbe aperta con un’insegnante, mettendo successivamente al corrente anche la madre di quanto sopportato. Le indagini sono scattate subito. La Rotondano ha chiesto ed ottenuto per l’uomo gli arresti domiciliari. Si è poco dopo svolto l’incidente probatorio; la Procura ha voluto anticipare l’ascolto della ragazzina per evitarle di comparire in un’aula di Tribunale; ed infatti il suo racconto è stato raccolto in un ambiente protetto ed alla presenza di uno psicologo. Una perizia psichiatrica ha poi ritenuto attendibile la ragazzina.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!