Casarano. L’umido porta-a-porta

Da ieri nella centrale piazza San Domenico a Casarano, la Geotec distribuisce le pattumelle marroni per la raccolta dei rifiuti umidi ai cittadini rimasti ancora sprovvisti

E’ cominciata ieri a Casarano, in piazza San Domenico, nei pressi del Municipio, a cura dell’impresa appaltatrice, la distribuzione dei contenitori per la frazione umida (colore marrone) alle famiglie che ancora ne fossero sprovviste. Lo comunica l’amministrazione comunale che invita i cittadini a munirsi della pattumella marrone, in distribuzione anche oggi e domani, per evitare di trovarsi in difficoltà nei prossimi giorni. Palazzo dei Domenicani, infatti, ha annunciato che ieri sono stati rimossi gli ultimi cassonetti dalle strade cittadine e, quindi, il servizio di raccolta della frazione umida, d’ora in poi, sarà effettuata esclusivamente con il nuovo sistema del porta-a-porta, in vigore dal 1° aprile scorso. Secondo le stime del Comune, infatti, sarebbero numerosi gli utenti che non hanno ricevuto la pattumella marrone, poiché nel momento della distribuzione non erano reperibili nelle rispettive abitazioni. Per questo motivo, l’Amministrazione comunale, in collaborazione con la Geotec, ha pensato di offrire un servizio suppletivo ai cittadini. Oggi e domani – dalle ore 16:00 alle 20:00 nei pressi di Palazzo di Città – la Geotec allestirà un centro mobile per la consegna delle pattumelle. “È un modo per venire incontro ai cittadini – si legge in una nota del Comune – che non hanno la possibilità di recarsi presso la sede della Geotec, nella zona industriale, dove gli interessati avrebbero dovuto rivolgersi per richiedere il contenitore”. Nel caso in cui le circostanze lo richiedessero, il centro mobile della Geotec continuerà la distribuzione anche nei giorni seguenti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!