Lecce. Bilancio approvato

24 ad 11. Con i voti favorevoli della sola maggioranza, il bilancio di previsione 2010 per il Comune di Lecce è “passato”. In allegato, la relazione del sindaco Paolo Perrone

24 sì ed 11 no. Il bilancio di previsione del Comune di Lecce per il 2010 è passato. Approvato ieri sera, dalla sola maggioranza, pochi minuti prima della mezzanotte, al termine di una riunione non facile nella quale non si sono risparmiati i toni polemici ed i temi caldi dell’impianto fotovoltaico e della maxi discarica. Una riunione nella quale Paolo Perrone, primo cittadino del capoluogo salentino, ha letto un intervento agguerrito, tutto politico, che non ha lasciato grande spazio alle repliche. “Giro di boa” l’ha chiamato, volendo sottolineare che Lecce è ad una svolta. Ad un momento difficile perché adesso dovrebbe avere inizio la ripresa. Dopo il sofferto risanamento dei conti che sono costati al sindaco – così ha detto – la perdita della serenità ed, a volte, anche del sonno. “Se non avessi messo riparo ai danni del passato, il Comune di Lecce sarebbe già in dissesto”, ha dichiarato, prima di snocciolare tutti i punti del suo documento economico e ricordare ad uno ad uno i più recenti successi: “a cominciare dal pareggio di bilancio della Lupiae servizi, un traguardo impensabile tre anni fa, passando per la rinegoziazione del contratto dei Boc che ci consentirà un risparmio di circa 4 milioni e mezzo annui sulla rata, e finendo con via Brenta, scongiurando il protrarsi dei danni di un contratto capestro e forse, ma questo lo stabiliranno altri, truffaldino”. Il bilancio di previsione approvato ieri è una manovra da 318 milioni e 202mila euro, che non può permettersi grandi slanci ma che non dimentica di investire e programmare. E Perrone ha dichiarato la volontà di abbattere la propria indennità e probabilmente chiederà agli assessori di fare altrettanto. Nel frattempo, per dare un po’ di sollievo alle casse comunali, ha approvato il piano delle alienazioni di alcuni immobili inutilizzati che dovrebbero fruttare al Comune più di 15 milioni di euro. In allegato la relazione del sindaco Paolo Perrone.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!