Giocosport. Il Radice di Taviano vince la prima tappa

I bambini del Lombardo Radice di Taviano hanno vinto la prima tappa di Giocosport. All’evento presente anche Camillo Placì

L’istituto comprensivo “Lombardo Radice” di Taviano si è aggiudicato la prima tappa di Giocosport, la manifestazione ludico-sportiva organizzata dal Coni per gli alunni delle scuole elementari. Giocosport quest’anno ha coinvolto anche i bimbi delle prime e seconde classi, allineandosi così al progetto di alfabetizzazione motoria partito in via sperimentale a settembre in alcune città italiane. I giochi e tutte le attività sono stati scelti e sviluppati dallo staff tecnico del Coni di Lecce coordinato da Antonio De Nunzio. Vista l’altissima percentuale di scuole partecipanti, la manifestazione è stata divisa in tre tappe, la prima svoltasi ieri nel palazzetto dello sport di Specchia. All’evento era presente anche Camillo Placì, tecnico della Nazionale Russa che ha vinto il bronzo a Pechino 2008. “Sono felicissimo di essere tra tanti bambini entusiasti per lo sport. – ha affermato il tecnico Placì – Ad ognuno di voi auguro che riusciate a calcare palcoscenici importanti. Se dovesse accadere, quel giorno vi ricorderete che avete iniziato da qui». “Va dato merito a tutti gli insegnanti, gli esperti ed i tecnici che hanno permesso ai nostri ragazzi di vivere un’esperienza suggestiva, emozionante ed indimenticabile – ha detto Antonio Biasco, primo cittadino di Specchia -. Mi auguro che manifestazioni come questa coinvolgano sempre più ragazzi”. Infine Antonio Pascali, presidente del Coni di Lecce, ha ribadito l’importanza e l’efficacia della sana attività fisica sin dalla tenera età: “Questa manifestazione è bella e riscuote di anno in anno sempre più successo perché vincono davvero tutti. E tutti tornano a casa avendo recuperato o imparato il vero valore dello sport, che almeno a quest’età è solo sano e puro divertimento”. Giovedì prossimo la seconda tappa, nel palazzetto dello sport di Alezio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!