Maglio al Cibus di Parma

Da oggi al 13 maggio nella città emiliana, l’azienda salentina presenterà i suoi più tipici prodotti ed un’anticipazione delle novità

Per Maglio Arte Dolciaria quelli da oggi al 13 maggio saranno giorni importanti. L’azienda salentina, infatti, parteciperà alla più importante fiera italiana dedicata al settore alimentare, il Cibus di Parma. Alla manifestazione, che ha carattere biennale, presenterà tutta la sua gamma di prodotti (dalla pasticceria alle praline; dalle gelatine alle tavolette), le specialità a base di frutta e cioccolato, che hanno reso il brand riconoscibile in Italia e all’estero, e le novità. Ogni anno l’azienda investe in ricerca per offrire al pubblico nuove proposte che non siano soltanto buone al palato, ma rispettino anche gli standard qualitativi del marchio. Tra le new releases in anteprima alla fiera parmense, ci saranno le amarene infuse nello cherry e ricoperte di cioccolato, il mandarino nano della Piana di Sibari candito, infuso in marasca e avvolto nel cioccolato, il cioccolatino al cappuccino e le caramelle. Il Cibus rappresenta per Maglio un’occasione privilegiata di incontro con clienti, attuali e potenziali, con distributori nazionali ed internazionali e con i rappresentati della stampa. I visitatori dello stand (pad. 7 E 036) potranno non solo apprezzare i prodotti Maglio, ma anche conoscere meglio le strategie imprenditoriali e commerciali in atto. In meno di un anno, l’azienda ha conseguito due importanti risultati: ha avviato con successo il progetto “Negozi Raccomandati Maglio”, un network di punti vendita qualificati con al loro interno un corner dedicato all’intera gamma Maglio, e ha acquisito la certificazione UNI EN ISO 22000:2005 “Sistemi di gestione per la sicurezza alimentare. Requisiti per qualsiasi organizzazione nella filiera alimentare”, sviluppata da ISO (International Organization for Standardization), una risposta concreta alla crescente richiesta di sicurezza da parte dei consumatori.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!