Lavori pubblici. Il parere di Delle Donne

Si è svolto giovedì scorso il convegno “Lavori pubblici: arriva il cambiamento?”. Le critiche di Nicola Delle Donne sulle opere pubbliche

Lo scorso giovedì, presso il Castello Carlo V a Lecce, autorevoli relatori si sono riuniti per discutere di un tema di grande attualità dal titolo “Lavori pubblici: arriva il cambiamento?”. “Peculiarità della normativa in materia di realizzazione delle opere pubbliche è che essa è copiosa, confusa, contraddittoria, al limite della comprensibilità.” – sono le parole di Nicola Delle Donne, presidente Ance Lecce – “Nel luglio 2008 Lecce vide, prima in Italia, una manifestazione unitaria delle associazioni datoriali e sindacali del settore delle costruzioni, all’insegna dello slogan “Lavori pubblici: no grazie!“. Slogan, ancora, di stringente attualità. Eppure in questo periodo di devastante crisi, il ruolo strategico della realizzazione di opere pubbliche viene sottoscritto da tutti, e per il ruolo anticiclico e per il rilancio della competitività dell’Italia”. “Purtroppo invece, rimane la certezza che lo Stato e gli enti appaltanti – conclude duramente il presidente Delle Donne – continuino a considerare le imprese edili che eseguono opere pubbliche, sudditi, obbligati a dei doveri e con diritti negati”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!