Per 11 anni avrebbe riscosso la pensione della madre deceduta. Arrestato

L'uomo, un 61 enne pregiudicato originario del brindisino, è stato arrestato in flagranza di reato dagli uomini della Guardia di finanza

Per undici anni avrebbe continuato a riscuotere la pensione della madre, morta in realtà nel lontano 1999. Per questo, con l’accusa di truffa aggravata e continuata ai danni dello Stato, è stato arrestato Valentino Franco Pedali, pregiudicato 61enne originario di San Donaci, nel brindisino, ma residente da anni a Lecce. L’uomo, ufficialmente disoccupato, vanta numerosi precedenti. Dal 1999 ad oggi, l’uomo si sarebbe recato ogni mese presso l’ufficio postale nel centro di Lecce, presentando il libretto di pensione della madre e la delega che la stessa gli aveva sottoscritto alcuni mesi prima di morire, incassando una cifra pari a 1150 euro. A scoprirlo sono stati gli uomini della Guardia di Finanza di Lecce. L’indagine, ha evidenziato come presso l’ufficio postale di piazza Libertini fosse riscossa la pensione di una donna nata nel 1914 e deceduta nel 1999. Pedali, dopo essere stato identificato, è stato fermato giovedì scorso. Ad immortalare la truffa ai danni dell’Inps, le immagine registrate dagli uomini della Finanza, che hanno atteso poi l’uomo all’uscita dall’ufficio postale. L’uomo ha tentato invano di giustificarsi: “Mamma sta a Ravenna – avrebbe dichiarato –, da mia sorella”. Sono stati sottoposti a sequestro il libretto, la delega e una cifra pari a 1120 euro. Quello che ha portato all’arresto di Pedali sarebbe uno di tanti casi simili. Sono in corso, infatti, da parte del Comando provinciale della Guardia di finanza di Lecce, accertamenti su centinaia di casi definiti sospetti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!