Illeciti marini. Multe per 10.760 euro

Si intensificano le attività di contrasto agli illeciti marini ad opera della Capitaneria di porto di Gallipoli

Gli uomini della Capitaneria di porto di Gallipoli, nell’ambito dell’attività di controllo effettuata in quest’ultima settimana, hanno sanzionato 20 persone con l’accusa di violazione delle norme di polizia negli ambiti portuali, e 7 pescatori sportivi, colti nella vendita abusiva del prodotto pescato e in flagrante esercizio abusivo della pesca professionale mediante l’utilizzo di attrezzi non consentiti per la pesca sportiva. Nella giornata di ieri i militari della Guardia costiera di Gallipoli hanno proceduto al sequestro di 28 Kg di polipi ed all’elevazione di verbali per oltre 2.000 euro a carico di due sedicenti pescatori sportivi che avevano superato il limite di 5 kg fissato dalla legge a salvaguardia delle conservazione della specie ittica ed al fine di scongiurare la vendita ed il commercio del prodotto dell’attività della pesca sportiva. In totale, le sanzioni pecuniarie inflitte ammontano a 10.760 euro. Sul fronte del contrasto all’abusivismo demaniale, si è proceduto al sequestro di un locale di 70 mq asservito ad un ristorante ubicato nel porto di Tricase in quanto non conforme alle norme vigenti in materia urbanistico-demaniale. Il titolare dell’esercizio è stato denunciato all’autorità giudiziaria.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!