Poggiardo. Regole di smaltimento amianto

Manifesti e volantini a Poggiardo per sensibilizzare la cittadinanza al corretto smaltimento dell’amianto

L’amministrazione Comunale di Poggiardo, per sensibilizzare la cittadinanza sui danni causati dall’utilizzo di attrezzature in amianto, ha avviato una campagna di informazione attraverso manifesti murali e distribuzione porta a porta di volantini. È aumentato infatti l’abbandono nelle campagne di materiale contenente amianto, ciò a causa degli alti costi derivanti dallo smaltimento degli stessi. Per andare incontro ai cittadini, il Comune di Poggiardo nel 2008 ha stipulato una convenzione con una ditta specializzata al fine di facilitarne lo smaltimento. “L’amministrazione comunale si è da tempo impegnata ad affrontare questo problema che investe la salute pubblica e la tutela dell’ambiente. – ha affermato Silvio Astore, sindaco di Poggiardo – I casi di abbandono nella campagne di materiale rimosso abusivamente, legato ai costi piuttosto elevati di smaltimento, se effettuato da singoli, hanno fatto assumere al problema una dimensione preoccupante e ci hanno spinto già dal 2008 a stipulare una convenzione con una ditta specializzata, per facilitare lo smaltimento dei materiali contenenti amianto. È chiaro che i cittadini sono liberi di rivolgersi ad altra ditta specializzata se dovessero trovarne maggiore convenienza. Ciò che più importa però è che i cittadini acquisiscano la consapevolezza del pericolo per la salute e per l’ambiente che provoca il trattamento e l’abbandono di questo materiale. Solo, infatti, partendo dalla coscienza del singolo è possibile debellare il problema.”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!