Abusi nella scuola materna. Prime ammissioni del bidello

Nel corso dell'interrogatorio di garanzia, dinanzi al gip Antonio del Coco, l'uomo avrebbe fatto le prime ammissioni di colpevolezza. Nei prossimi giorni My sarà sottoposto a perizia psichiatrica

Si è svolto questa mattina, nel carcere di Borgo San Nicola, l’interrogatorio di garanzia di Bruno Cosimo My, il bidello 65enne accusato abusi nei confronti di almeno cinque bambine di una scuola materna di Leverano. Nel corso dell’interrogatorio, svoltosi alla presenza del gip Antonio Del Coco e dell’avvocato di My, Carlo Madaro, l’uomo avrebbe già fatto parziali ammissioni di colpevolezza, confermando di aver molestato alcune bambine. Ad accusare l’uomo ci sarebbero poi i filmati realizzati dalle telecamere installate dai carabinieri, che riprenderebbero l’uomo nei bagni della scuola. La difesa ha quindi chiesto di poter acquisire copia degli stessi. La difesa ha inoltre chiesto di sottoporre l’uomo a una perizia psichiatrica, capace di stabilire fino a che punto My sia capace di intendere e di volere. Una richiesta già accolta dal gip, che nominerà nei prossimi giorni un consulente. L’ex collaboratore scolastico sarebbe stato vittima in passato di un grave incidente, che lo avrebbe segnato nel fisico e nella psiche. Bruno Cosimo My si trova attualmente in una cella d’isolamento del carcere di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!