Travolge ciclisti e scappa via

Il “pirata della strada” è un uomo di 73 anni. Ai carabinieri ha raccontato di non essersi accorto di a

Lesioni ed omissione di soccorso. Sono le accuse a carico di un uomo di 73 anni di Lecce che ieri, a bordo della sua Opel Astra, ha travolto un gruppo di ciclisti sulla strada che collega San Cataldo a Lecce e poi è fuggito via. Ai ciclisti, quattro in tutto, è andata bene: se la sono cavata con delle ferite giudicate guaribili in pochi giorni. Uno in particolare ha rischiato di più: ricoverato all’ospedale di Lecce, e tenuto sotto osservazione per un trauma cranico, si è comunque rimesso dopo poco tempo. La dinamica dei fatti è stata ricostruita dagli stessi appassionati della bicicletta: di ritorno dalla consueta passeggiata domenicale sulla litoranea leccese, due di loro sono stati speronati dall’Opel Astra che viaggiava nella stessa direzione di marcia, da San Cataldo a Lecce e sono finiti a terra, provocando la caduta di un terzo. Il quarto, l’ultimo del gruppo, ha rischiato di veder trasformato in tragedia quel giro di piacere. Sul posto sono giunti i medici del 118 e successivamente anche i carabinieri. I ciclisti sono stati trasportati in ospedale per controlli di routine. L’automobilista è stato rintracciato poche ore dopo l’accaduto presso la sua abitazione, nella zona 167 del capoluogo salentino. Ai carabinieri ha riferito di non essersi accorto di a: né dell’impatto, né che i ciclisti fossero finiti a terra. Per lui è scattata la denuncia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!