Festival dell'energia. Due i progetti pugliesi

L’Università del Salento e l’Istituto “Carnaro” di Brindisi sono stati selezionati con un due progetti su fonti alternative e ricarica auto

Due dei dieci progetti selezionati nell’ambito del call for papers, provengono dalla Puglia e verranno presentati insieme agli altri dal 20 al 23 maggio a Lecce presso l’area espositiva Spazio Innovazione del Festival dell’Energia. I progetti pugliesi, dell’Università del Salento e Istituto Tecnico “Carnaro” di Brindisi, hanno superato una dura selezione, con oltre 60 progetti candidati provenienti da Università, aziende, centri di ricerca, associazioni, scuole e parchi tecnologici di tutta Italia. L’Università del Salento presenterà uno studio sulla ricarica elettrica per autoveicoli, corredato dallo sviluppo di un punto di ricarica sperimentale all’interno del campus Ecotekne della stessa Università e da uno standard di interfaccia tra il veicolo e la stazione. Il team di ricerca, appartenente al Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione, ha inoltre valutato una strategia ottimale ma realistica di gestione energetica della vettura, arrivando a consumi bassissimi e a un’autonomia di oltre 100 km. L’Istituto Tecnico “Carnaro” di Brindisi sarà invece presente a Festival dell’Energia con un progetto sullo sfruttamento dell’energia delle onde marine, attraverso una serie di vasche in calcestruzzo poste in mare in posizione favorevole. La creazione di un dislivello tra le vasche e il pelo dell’acqua permette la produzione di energia elettrica, già a partire da condizioni di mare mosso. Le Università e gli enti di ricerca pugliesi hanno inoltre confermato la loro forte vocazione alla ricerca sull’energia, con ben 13 progetti candidati su un totale di 60 (il 22,8%), pari solo agli studi provenienti dal Lazio. Tutti questi progetti troveranno ampio spazio sul sito web www.innovazionenergia.it, vetrina virtuale curata da Aris e I-Com (Istituto per la Competitività) per favorire il dialogo tra il mondo della ricerca e quello dei capitali

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!