Biomasse a Casarano. Domani un sit in di protesta

La manifestazione è organizzata per le ore 11 di domani 1° maggio dal coordinamento intercomunale “No alla Centrale

Il coordinamento intercomunale “No alla Centrale”, che raccoglie diverse associazioni e cittadini, ha organizzato per le ore 11 di domani nella zona industriale di Casarano, un sit-in di protesta civile contro la realizzazione della centrale a biomasse da 25 MW “Heliantos 2” della società Italgest Energia. Hanno dato la loro adesione alla manifestazione numerosi cittadini del comprensorio, politici e tante associazioni di tutela dell’ambiente e della salute provenienti da tutta la provincia di Lecce. Sono stati invitati i sindaci Acquarica del Capo, Alliste, Alezio, Collepasso, Cutrofiano, Gallipoli, Matino, Melissano, Parabita, Presicce, Racale, Ruffano, Supersano, Taurisano, Taviano, Tuglie ed Ugento, ed esponenti del Governo provinciale. “Il fine dell’iniziativa – dicono gli organizzatori – sarà quello di diffondere corrette informazioni sui temi della salvaguardia dell’ambiente e della salute della popolazione, messi a rischio da progetti industriali avulsi dalla vocazione e dalle reali necessità del territorio, e che, per altro verso, creano false aspettative su presunte ricadute occupazionali. In realtà – continuano -, tali progetti, finendo per danneggiare l’ambiente e l’agricoltura (tramite contaminazione dell’aria, dei terreni e delle falde, svalutazione dei terreni e degli immobili circostanti l’impianto, ecc.), si rivelano controproducenti per l’economia del territorio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!