Turismo. Uno per tutti, tutti per uno

Provincia di Lecce, Camera di Commercio, Apt promuoveranno una serie di iniziative per lo sviluppo turistico del territorio. Ieri la firma del protocollo d’intesa

di Daria Ricci Impegno, lavoro, sinergia per lo sviluppo turistico del territorio salentino. Ci credono tre Enti: Provincia di Lecce, Camera di Commercio e Apt. Tre parole che uniscono e trovano d’accordo il presidente della Provincia, Antonio Gabellone, il presidente della Camera di Commercio Alfredo Prete e Stefania Mandurino, commissaria dell’Apt. Una collaborazione che ha portato il Salento a grossi e rilevanti risultati. “Questa terra – ha detto Gabellone – ha deciso di scommettere nel turismo”. Una erra che ha fatto del turismo il volano di sviluppo economico e sociale, come hanno sottolineato Prete e Mandurino. Insomma una gran bella famiglia, che alla luce dei risultati indubbiamente positivi, conseguiti nel corso di questi anni, ha confermato la volontà di rinnovare anche per l’anno 2010 il protocollo d’intesa per la realizzazione di un programma congiunto di interventi per la promozione turistica del Salento. Sottolineando la partecipazione congiunta, Provincia, Camera di Commercio, Apt, a manifestazioni fieristiche che spazieranno dall’offerta ricettiva al turismo culturale, dall’enogastronomia e prodotti tipici al turismo naturalistico, dal turismo congressuale al turismo sportivo, dal turismo religioso al turismo archeologico. Insieme promuoveranno eventi in Italia e all’estero. Tanti i progetti, tra cui una nuova edizione di “Salento in Piazza”. Definiranno congiuntamente un programma di “tappe” delle quali tre in Italia e una su piazza straniera, già individuata nella manifestazione “L’Italia à table”, in programma a Nizza dal 3 al 6 giugno. Insomma sarà un anno ricco, indubbiamente impegnativo e di collaborazione anche con i privati, con gli operatori salentini, per realizzare una offerta e ad una accoglienza di tutto prestigio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!