Usano gas agricolo per fini non consentiti

La finanza ne sequestra 795 litri e denuncia tre uomini di Veglie, Leverano e San Donato di Lecce

Le Fiamme Gialle della Compagnia di Lecce e della Brigata di Porto Cesareo, nel corso di specifici controlli volti al contrasto di illeciti nel settore delle accise, hanno sequestrato complessivamente 795 litri di prodotto petrolifero agevolato per l’agricoltura utilizzato per fini diversi da quelli agricoli. Le attuali disposizioni non consentono di utilizzare il prodotto per il rifornimento di automezzi non aventi le caratteristiche e le autorizzazioni necessarie per il loro impiego in agricoltura. I tre uomini di Veglie, Leverano e San Donato di Lecce, fermati dalle Fiamme Gialle a bordo dei rispettivi automezzi, avevano utilizzato il prodotto agevolato per il rifornimento di automezzi non aventi le caratteristiche e le autorizzazioni necessarie per il loro impiego in agricoltura. L’utilizzo illecito è stato accertato attraverso il prelievo dei campioni di carburante contenuto nei serbatoi degli automezzi fermati, con l’ausilio di una pompa aspiratrice, appurando che in ciascuno dei serbatoi vi era una sostanza di colore verdastra tipica del gasolio agevolato. Il controllo è stato quindi esteso presso le rispettive sedi delle imprese, che consentiva di rinvenire ulteriore gasolio agevolato della stessa qualità di quello già rinvenuto nei serbatoi degli automezzi controllati. L’attività si concludeva con il sequestro dei tre autocarri, di litri 795 di gasolio agricolo e con la denuncia a piede libero dei tre responsabili.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment