Casarano. Docce “leggere” per risparmiare

Palazzo dei Domenicani ha aderito al progetto gratuito “Doccia light”, che punta al risparmio idrico ed energetico nelle strutture sportive

La spasmodica ricerca di dare sollievo alle casse comunali ha preso di mira le strutture sportive di proprietà del Comune di Casarano. Palazzo dei Domenicani, infatti, ha ufficializzato l’adesione ad un progetto gratuito, denominato “Doccia light”, che punta al risparmio idrico ed energetico. Secondo le stime dei tecnici del Comune si potranno risparmiare fino al 50% dell’acqua e dell’energia utilizzata per riscaldarla, con un alleggerimento nella relativa bolletta di 114 euro per ogni punto doccia all’anno. Tenendo conto che i punti doccia sono 83, il risparmio annuale si aggirerebbe intorno a 9.500 euro. Il progetto è stato elaborato dalla “Green Economy Service Company” (Gesco srl), in collaborazione con numerose federazioni sportive e con il supporto della Direzione Energie e Trasporti della Commissione Europea, del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero della Gioventù e del Ministero del Turismo. “Lo scopo di ‘Doccia light’ – spiega l’assessore all’Ambiente ed alle Politiche energetiche, Attilio De Marco – è ottenere un’incisiva riduzione degli sprechi di acqua e di energia che comunemente caratterizzano le strutture sportive. Questo è possibile attraverso una semplice, ma efficace accortezza: l’installazione di erogatori per doccia a basso flusso (Ebf). L’Ebf – prosegue l’assessore – è un piccolo dispositivo che svolge la funzione di miscelatore. Grazie all’introduzione di aria nel getto d’acqua, l’Ebf riduce la portata della doccia senza che l’utente ne avverta la differenza rispetto ad un flusso normale, ma permettendo così di risparmiare fino al 50% dell’acqua e dell’energia utilizzata per riscaldarla. Il risparmio complessivo in bolletta – stima De Marco – potrebbe giungere sino a 114 euro per punto doccia all’anno. Ovviamente questa stima è in relazione all’uso effettivo degli impianti”. Nel Comune di Casarano saranno ben 83 i punti doccia ad essere sostituiti, tutti allocati in strutture pubbliche di proprietà comunale. “L’acqua – aggiunge il sindaco Ivan De Masi – è una risorsa e, come tale, va salvaguardata. Spesso un po' di accortezza in più può garantire un significativo risparmio idrico ed energetico. È questa l'idea alla base del progetto ‘Doccia light’. Quest'ultimo, del resto, ben si sposa con la nostra azione amministrativa che, come dimostrato in più occasioni ed in altri ambiti, mira all’ottimizzazione, alla razionalizzazione ed al risparmio”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!