Gallipoli. Nuove norme per sostare al centro

La giunta comunale ha approvato il regolamento per agevolare i cittadini residenti. Previsto il disco orario di un'ora per i non residenti

Nuove norme da rispettare per sostare nel centro storico. L'Amministrazione Comunale, in una recente seduta di Giunta, ha approvato una nuova regolamentazione della sosta nel centro storico, al fine di agevolare le esigenze dei residenti della città vecchia. Il dispositivo riguarda il periodo in cui non è in vigore la Zona a Traffico Limitato (attivata da giugno a settembre di ogni anno) e nel quale, essendo consentito il libero accesso a ogni veicolo, diviene particolarmente difficoltoso per i residenti del centro storico trovare aree di parcheggio. Per questo motivo, si è deciso di istituire sulle aree di sosta indicate con segnaletica orizzontale di colore bianco nelle riviere della città vecchia (Colombo, Sauro e Diaz) una regolamentazione con disco orario di un'ora a carico dei veicoli dei non residenti. “Si tratta di una decisione – ha detto l'assessore al Centro Storico, Giorgio Cacciatori – che è stata presa per rispondere a precise istanze poste dalla popolazione della città vecchia e che l'Amministrazione ha inteso accogliere e far proprie ritenendole fondate e valide. Il tutto rientra nell'ottica di quel dialogo e di quella collaborazione con la cittadinanza cui l'esecutivo ha sempre garantito priorità nella sua azione di governo”. La nuova regolamentazione proposta dalla Giunta troverà applicazione in un'apposita ed imminente ordinanza del comandante della Polizia Municipale, Giuseppe Parisi, che troverà adeguata pubblicità nella cittadinanza. “Siamo certi – ha concluso l'assessore – che la nuova disciplina dei parcheggi nel centro storico troverà apprezzamento non solo nei residenti della città vecchia ma più in generale presso tutta la cittadinanza, atteso che si tratta di una decisione finalizzata ad una gestione più armoniosa e meno caotica del flusso veicolare, che credo giovi a tutti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!