Furti e rapine a raffica, nuova ordinanza di custodia cautelare

Gli agenti della Squadra Mobile hanno notificato ad Alessio Spedicato, già detenuto per altri reati simili, una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere. Oltre una decina gli episodi contestati

Gli è stata notificata in carcere, dagli agenti della Squadra Mobile di Lecce, una nuova ordinanza di custodia cautelare. Destinatario del provvedimento Alessio Spedicato, 25enne originario di Arnesano. Diversi i reati ipotizzati a carico dell’indagato, ritenuto responsabile di ben dodici furti aggravati, di cui sei tentati, tutti ai danni di esercizi commerciali. Episodi che si riferiscono ad un periodo tra settembre e novembre 2009, nei comuni della parte nord del Salento. A finire nel mirino nell’uomo quasi sempre esercizi commerciali: farmacie, supermercati e bar. La nuovo ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa dal gip Ines Casciaro su richiesta del sostituto procuratore Giuseppe Capoccia. Spedicato è un personaggio già noto agli inquirenti, circa un anno fa fu vittima di un attentato all’ingresso di Monteroni, in cui fu colpito da ben sei proiettili. Un ferimento che però non gli aveva impedito di tornare a compier furti e rapine. Almeno fino allo scorso 30 gennaio, quando i Carabinieri lo arrestarono dopo una rocambolesca fuga. Nella stessa sera, con la complicità di un cittadino di nazionalità albanese, mise a segno tre rapine, di cui una tentata.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!