Frutta nelle scuole: presto in tutta la Puglia

Coinvolgere la totalità delle scuole pugliesi nel progetto “Frutta nelle scuole”. Questo uno dei traguardi fissati nell'ambito del progetto presentato

“La Regione è assolutamente convinta nel sostenere il progetto “Frutta nelle Scuole” anche nella prospettiva di una sua continuità e di un suo sviluppo”. Questo il primo commento dell’Assessore regionale alle Risorse Agroalimentari Dario Stefàno stamane a margine della presentazione del progetto comunitario nella sede dell’Assessorato. L’iniziativa, già attiva nell’anno scolastico in corso, nonostante sia partita soltanto a marzo, ha visto il coinvolgimento di 185 istituti della scuola primaria e la somministrazione di frutta fresca a 71.000 bambini. Per l’anno scolastico 2010/2011, grazie alla modulistica già pubblicata sul sito www.politicheagricole.gov.it e all’incremento delle risorse a disposizione, si prevede di coinvolgere la totalità della popolazione della scuola primaria della Puglia. Nella scelta dei prodotti ortofrutticoli somministrati ai bambini, si privilegiano quelli di qualità certificata, DOP, IGP e biologici tenendo conto del carattere di stagionalità. “In Puglia – ribadisce Dario Stefàno – abbiamo un paniere di prodotti unico al mondo che ci viene invidiato e spesso, purtroppo, malamente imitato per cui ci vediamo costretti a mettere in atto una serie di azioni per difendere la qualità delle nostre produzioni e per valorizzarne il legame con il territorio. Sono prodotti che ritroviamo nell’elenco ministeriale e che noi abbiamo la fortuna, al contrario di altre regioni italiane, di somministrare a chilometro zero”. Tra gli strumenti di accompagnamento all’educazione alimentare dei bambini, oltre alla formazione degli insegnanti e ai programmi di sensibilizzazione nei confronti dei genitori, è stato messo a punto un totem multimediale che, installato negli istituti scolastici, consente un approccio ludico per l’educazione dei piccoli consumatori. “Questo progetto – continua Stefàno – non può essere considerato esaustivo riguardo alle iniziative sulla educazione alimentare. Sono preoccupanti, infatti, gli indici sulle patologie da alimentazione soprattutto nelle giovani generazioni. Come Assessorato, in coordinazione con gli Assessorati regionali all’Istruzione e alla Sanità, ed in collaborazione con la Direzione Scolastica Regionale, intendiamo promuovere altre iniziative per scrivere una pagina nuova al fine di sensibilizzare i giovani sull’importanza di una sana e corretta alimentazione”. “Intanto, penso sia utile – conclude l’Assessore Stefàno – estendere la prospettiva didattica del progetto “La frutta nelle Scuole” ad altri strumenti educativi di accompagnamento come le masserie didattiche e gli orti botanici”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!