Un nuovo volantino con minacce ai politici

Un secondo volantino con minacce ai politici è stato rinvenuto, dietro segnalazione telefonica, in un cassonetto a Lecce. Firmato: “Brigate meridionali per la liberazione dell’Italia

Le “Brigate meridionali per la liberazione dell’Italia” si sono rifatte vive. E con le stesse modalità della settimana scorsa. Ovvero lasciando in un cassonetto della spazzatura un volantino contenente frasi minatorie rivolte ai politici e poi telefonando per dare indicazioni su come trovarlo. L’altra volta, nel cassonetto di piazza Capece a Maglie; stavolta in uno vicino alla chiesa di San Lazzaro a Lecce. Ieri è toccato alla redazione di “Nuovo Quotidiano di Puglia” (l'altro ieri pomeriggio una segnalaizone simile era arriva a “Canale 8”) ricevere la telefonata. L’accento di uomo barese di una certa età trapiantato a Lecce era lo stesso. E, una volta rinvenuto il volantino, è stato possibile appurare somiglianze anche nella grafia, nella sintassi e perfino nei tanti errori grammaticali. “Bin Laden ha i kalashnikov noi abbiamo i cecchini”; questo il testo del volantino, che segue al sollecito alla classe politica di lasciare l’Italia nelle sole mani di Gianfranco Fini. Un invito rivolto a tutti i politici senza distinzione di schieramento: Silvio Berlusconi, Ignazio La Russa, Giulio Tremonti, Raffaele Fitto, che era già stato oggetto del precedente messaggio assieme allo zio Fitto e ad altri familiari, Nichi Vendola, Massimo D’Alema ed Antonio Di Pietro. Nulla di preoccupante, dicono gli inquirenti. Solo il fatto che chi ha agito finora, potrebbe prenderci gusto e farsi vivo a breve.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!