Preso mentre recuperava auto rubata

Colto in flagranza di reato, un uomo di Racale è stato arrestato per ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale

Si è conclusa alle ore 3 della scorsa notte l’operazione intrapresa alcuni giorni fa dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Gallipoli. Nei pressi dell’agro di Punta Pizzo, i militari hanno arrestato, cogliendolo in flagranza di reato, Evenzio Protopapa, 48 anni, residente a Racale, già noto alle forze dell’ordine per reati di varia natura. La manette ai polsi di Protopapa sono scattate per i reati di ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale. I carabinieri erano posizionati nei pressi di una masseria da diversi giorni, cioè da quando, durante una normale attività perlustrativa, l’attenzione di una pattuglia del Radiomobile era stata attirata da una macchina nascosta all’interno di una vecchia masseria abbandonata e abilmente occultata con un telone di plastica. Dai primi accertamenti effettuati sul numero di targa, la macchina in questione, una Renault Twingo, era risultata rubata alcuni giorni prima ad Alezio. I militari hanno così dato inizio all’appostamento nell’attesa che qualcuno tornasse a recuperare l’auto. Ciò è accaduto la scorsa notte: Protopapa è arrivato assieme ad un complice, a bordo di un’altra autovettura, per riprendere la Twingo. Una volta arrivati nei pressi della masseria, sono stati circondati dai carabinieri; Protopapa è stato tratto in arresto, mentre il complice, denunciato, è riuscito a scappare.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!