Ortelle, serata di beneficenza e gusto

Serata di beneficenza domani sera ad Ortelle per l'ass. “Per un sorriso in più”. Un'occasione per promuovere anche il marchio Or.Vì, il maiale di Ortelle-Vignacastrisi

Domani sera, alle 21.00 a Ortelle, presso l'agriturismo “Lu Campu” è stata organizzata una serata all’insegna del buon cibo e con l’obiettivo di raccogliere fondi per l’Associazione Genitori Onco-Ematologia Pediatrica onlus di Lecce “Per un sorriso in più”. “Questa serata è la prima di una serie di appuntamenti sul territorio salentino che intendono promuovere il marchio Or.Vì (il maiale di Ortelle-Vignacastrisi), abbinandolo ad altri prodotti locali; divulgare le tecniche culinarie salentine e diffondere la cultura gastronomica con l’utilizzo di prodotti di qualità” sostiene Francesco Rausa, sindaco di Ortelle e convinto sostenitore del progetto. Il maiale Or.Vi. finora strettamente legato all’antichissima Fiera di San Vito, dal 2004 è al centro di un progetto, avviato dal Professore Augusto Carluccio dell’Università di Teramo (ma originario di Ortelle) e ora reso possibile grazie all’impegno profuso da Maurizio Caputo, veterinario e responsabile della Fiera di San Vito. “Si è sviluppato un disciplinare Or.Vì che non identifica una razza suina, ma un tipo di allevamento, per garantire salubrità agli animali allevati e qualità al consumatore – afferma Caputo – Quest’anno è stato modificato il disciplinare con norme più rigide per avere maggiore sicurezza”. Sono previsti altri importanti appuntamenti in alcuni comuni salentini, come Trepuzzi in agosto e Campi Salentina in ottobre prima di giungere alla Fiera di San Vito, che quest’anno avrà in programma anche un concorso culinario e un convegno sui prodotti Or.Vì. Obiettivo è quello di raggiungere un altissimo livello di qualità e di varcare i confini provinciali. Intanto domani si potranno degustare autentiche prelibatezze preparate con la collaborazione straordinaria dell’I.P.S.S.A.R.T di Santa Cesarea Terme. Una cena da non perdere.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!