Massi sui binari. Rimossi in tempo

Paura sulla tratta Trepuzzi-Lecce. Quattro massi erano stati posizionati sui binari poco prima dell'arrivo del treno. Un 15enne ha dato l'allarme

E’ stata una bravata, anche se di pessimo gusto. Così l’hanno archiviata gli stessi carabinieri della Centrale operativa di Lecce, presso i quali ieri pomeriggio è arrivata una telefonata che riferiva della presenza di massi sulla tratta ferroviaria Trepuzzi-Squinzano. Per interminabili minuti da allora si è temuto il peggio. Erano le 16.30. Un 15enne di Trepuzzi ha chiamato il 112, allarmato da strani oggetti che vedeva sui binari che corrono lungo la località “Bonavoglia” di Trepuzzi, in corrispondenza di Via del Mare. Sul posto è intervenuta immediatamente una pattuglia del Norm – Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Campi Salentina, per accertare la fondatezza della notizia e rimediare di conseguenza. Così, i militari si sono diretti verso la stazione ferroviaria di Trepuzzi, da dove hanno percorso a piedi a ritroso la strada ferrata sino al punto indicato: non c’era da perdere tempo, visto l’imminente arrivo di un convoglio proveniente da Bari. I carabinieri hanno effettivamente riscontrato la presenza di quattro massi di dimensioni ridotte, ma comunque in grado di arrecare danni al locomotore e turbare la circolazione dei treni nella zona; li hanno perciò rimossi, giusto pochi minuti prima che il treno da Bari, il Milano-Lecce, poi tranquillamente transitato, facesse tappa in quella stazione. Sull'episodio sono state ugualmente aperte delle indagini. Il primo elemento appurato è stata la provenienza dei massi: con ogni probabilità i responsabili li avranno fatti cadere sui binari direttamente dal cavalcavia. Resta da risalire alle identità degli autori del gesto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!