Tuglie. Partono oggi i festeggiamenti per l'Annunziata

Oggi, il primo dei tre giorni di festa dedicati alla Madonna dell'Annunziata a Tuglie, una tradizione viva da quasi trecento anni

“Vergine te la Nunziata de Tuje, ricordate te me comu l'Eternu Patre se ricurdau Te. Te mandu l'Angelu Gabrieli cu Te saluta cu l'Ave Maria: io 'nchinu la capu e dicu Matre mia, Maria Nunziata ricordate te l'anima mia”. La recitano i fedeli giungendo a Tuglie a piedi dai paesi vicini, quest'antica preghiera, per rendere onore all'Annunziata, nei giorni in cui la città si veste a festa. L'Annunziata di Tuglie ha un suo fascino particolare perché è la prima festa patronale di primavera ed una delle più importanti per la sua storia centenaria. L'origine si ritiene databile intorno al 1750, quando furono completati i lavori di costruzione dell'attuale chiesa e la stessa fu dotata di arredi e statue, compresa quella della patrona. Quando arriva la festa i tugliesi si fermano, giungono gli emigranti e gli studenti ritornano dalle loro città di studio. Tutto il paese converge verso il centro storico, unico palcoscenico illuminato da parature imponenti, più di un chilometro di gallerie con frontoni alti più di venticinque metri. A rallegrar ancor di più lo scenario sono le colorate bancarelle con i loro simpatici venditori e i profumi inebrianti della “cupeta”, della “scapece”, delle “nuceddre” e degli “zozzi”. La festa dell'Annunziata è anche la prima occasione ufficiale per gustare la “banana con panna”, gelato a forma di banana al gusto di fiordilatte e cioccolato, arricchito di meringa all'italiana e granella di mandorle tostate. La banana gelato va gustata dopo aver partecipato ad una funzione religiosa in onore della Madonna. Oggi l'inaugurazione, alle 10.00, dell'antica festa con il corteo per le vie della città delle autorità comunali, del comitato festa e di tutta la cittadinanza. Il corteo si ferma in piazza Garibaldi, dove una squadra dei Vigili del Fuoco sale con la scala mobile lungo la facciata di un palazzo ricoperto da luminarie sulla quale si posizionano, sul punto più alto, la bandiera italiana e quella europea, mentre i gruppi bandistici Città di Scorrano e Città di Aradeo intonano l'Inno di Mameli. Lo sventolio di queste bandiere, visibili da ogni parte del paese, e lo sparo di fragorosi fuochi pirotecnici danno ufficialmente inizio alla festa. Contemporaneamente si svolge, in via Schipa, la 5° Gara podistica per ragazzi. Alle 19.00, ha inizio la solenne celebrazione eucaristica con omelia e l'offerta dell'olio per la lampada votiva. Segue l'atto di affidamento della comunità tugliese ed il canto del Magnificat. Alle 20.00, piazza Garibaldi è un tripudio di festa. Affollatissima di fedeli giunti da ogni parte del salento per assistere a questo rito che si tramanda da oltre due secoli. Alla processione partecipano tutte le associazioni religiose e civili insieme alle confraternite delle Anime e di san Giuseppe nei loro abiti tradizionali. Aprono i suonatori di fischietto e tamburo che avvisano nel lungo percorso, il passaggio della processione. Ad uscire per primi dalla chiesa sono i simulacri di sant'Antonio e san Giuseppe, Compatroni della Città. A far da cornice il lancio dei palloni aerostatici. Nel lungo percorso, la statua è scortata dai Carabinieri in picchetto d'onore, addobbata di fiori e impreziosita da gioielli, donati nel corso degli anni dai devoti, alcuni risalenti al 1700. Usanza, questa, che si è maggiormente intensificata in questi ultimi anni. Infatti sono molti, coloro che si rivolgono alla Vergine donando un gioiello, soprattutto tante madri di famiglia, per chiedere una grazia o semplicemente protezione. Al suo rientro, previsto in tarda serata, la Madonna viene accolta in piazza Garibaldi dal canto dell'Ave Maria, mentre il sindaco legge la preghiera di affidamento consegnando le chiavi della città. La serata continua con l'esibizione sulla cassarmonica dei concerti bandistici. Domani all'alba, lo sparo di fragorosi fuochi pirotecnici annunciano l'importante giorno di festa. Dalle 7.00 in tutte le chiese vengono celebrate messe solenni, mentre in mattinata ha luogo la “260° Fera te la Nunziata”. Istituita a metà del settecento da Carlo III° di Borbone, la fiera-mercato viene classificata su antichi documenti “di notevole importanza” ed è specializzata per gli attrezzi agricoli e casalinghi, ma anche per i volatili da cortile. Gli animali maggiormente scambiati sono i pulcini. Dalle 8.00 fino a sera, in via Principe di Piemonte, l'Associazione Ekagra organizza “Arte in Strada”, mercatino dell'antiquariato, artigianato ed enogastronomia salentina con l'animazione dei gruppi bandistici. Contemporaneamente si svolge “Interior” mostra concorso fotografico e l'Itinerario dei Sensi, un gustoso percorso nel circuito della festa. Alle 9.00 prende via il raduno d'auto e moto d'epoca con esposizione fino a tarda serata ed annesso mercatino di scambio. Nell'arco della giornata prestano servizio i concerti bandistici Città di Racale e Città di Francavilla Fontana. Alle 11.00 presso la Chiesa Matrice viene celebrata una Messa per tutti gli emigranti tugliesi mentre alle 12.00, come antichissima tradizione vuole, la processione per le vie del centro storico con il simulacro della Madonna e subito dopo la benedizione dei campi che avviene in aperta campagna tra i maestosi ulivi secolari, alla quale partecipano tutti i contadini e gli artigiani tugliesi. Alle 13.30 tutti con gli occhi rivolti al cielo, per assistere alla grandiosa gara pirotecnica che vede sfidare prestigiose ditte nazionali. Alle 19.00 solenne celebrazione eucaristia mentre in Piazza Garibaldi, esibizione dei concerti bandistici. Lunedì 19, dalle prime ore della giornata in piazza Garibaldi, via Risorgimento, via Trieste e via Plebiscito si apre il tradizionale mercato della “Nunziateddhra”. La giornata è allietata dal concerto bandistico Città di Aradeo. Alle 19.00 nella chiesa matrice, celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo della diocesi Nardò-Gallipoli, mons. Domenico Caliandro. Alle 20.30, si conclude in bellezza la festa patronale, l'atteso spettacolo di Uccio De Santis ed il suo MUDU'. Piazza Matteotti ospita un grandioso Luna Park. La festa dell'Annunziata è molto sentita dal popolo tugliese. Una tradizione che sopravvive alla modernità e diventa un'attrazione per un'atmosfera unica, uno spettacolo di luci, di colori, di musica e di profumi primaverili.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!