Immigrati, nuovi sbarchi nella notte

Sono 44, tra cui otto bambini, i cittadini di nazionalità afgana, curda e iraniana arrivati sulle coste salentine nelle ultime ore

Proseguono, facilitati dalle condizione del mare, gli sbarchi di immigarti nel Salento. Sono 44, tra cui otto bambini, i cittadini di nazionalità afgana, curda e iraniana che, secondo gli investigatori, sarebbero arrivati in Italia nelle ultime ore, sono stati bloccati tra Lecce e provincia dagli agenti della Questura. Sebbene provati, appaiono tutti in buone condizioni fisiche. In particolare stamattina un gruppo di 23 persone è stato rintracciato nelle vicinanze della stazione ferroviaria di Lecce. L’altro gruppo, di 21 persone, sarebbe giunto ieri sera a bordo di un gommone nella rada di Porto Selvaggio dove sarebbe sbarcato, ed è stato sorpreso mentre percorreva a piedi la strada che collega Santa Caterina a Nardò. A scoprire questi ultimi immigrati sono stati gli agenti del commissariato di Nardò avvertiti dalla telefonata di un cittadino. Provati per la traversata e affamati, i clandestini sono stati condotti negli uffici di polizia e in seguito trasferiti in un albergo della marina di Santa Maria al Bagno, dove hanno trascorso la notte, dopo essere stati rifocillati, grazie alla solidarietà, a quanto riferiscono le forze dell’ordine, dei ristoratori del luogo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!