L’Italgest si aggiudica gara 1

Il Casarano supera di misura il Bologna e si aggiudica la prima gara della semifinale scudetto

Davanti ad un discreto pubblico del PalaItalgest, considerato l’orario insolito e il giorno feriale, i campioni d’Italia dell’Italgest Casarano si aggiudicano gara uno della semifinale scudetto, battendo un indomito Bologna per 30 a 28 dopo una gara combattutissima fino agli ultimi istanti di gara. Il Casarano si presenta con un assenza importante quella di Miran Ognjenovic, che deve scontare due turni di squalifica . Il Bologna è al gran completo con la solita difesa 6/0 che ha messo in difficoltà tutte le squadre. Tra campionato e coppa era il settimo incontro tra le due formazioni. Pertanto, che il risultato sarebbe stato in bilico fino alla fine lo si sapeva già. Infatti, sia nel primo tempo che nel secondo, la partita si è giocata punto a punto, tranne all’inizio del secondo tempo, quando il Casarano è entrato in campo con due punti di vantaggio ed ha incrementato questo vantaggio portandosi sul più 4, massimo vantaggio. Il primo tempo si chiude con i rosso azzurri avanti 17 a 15. Secondo tempo sempre in equilibrio. Degne di nota sono le parate dei due portieri Pettinari per gli emiliani e Fovio per i salentini. La gara dei campioni d’Italia è stata caratterizzata dai troppi errori alla conclusione e spesso anche in fase di costruzione. Mister Massotti avrà modo e tempo per rivedere con i suoi i meccanismi che non hanno funzionato. Comunque è arrivata ugualmente la vittoria in questa gara 1. Ora saranno i rossoazzurri a rendere visita, al pala Savena, ad un Bologna che sicuramente vorrà rimettere a posto il risultato per poi giocarsi tutto qui a Lecce

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!