Striscia la notizia ritorna a Casarano

GUARDA IL VIDEO. Avevano stretto due nodi al fazzoletto. Fabio e Mingo di Striscia la notizia sono ritornati a Casarano per verificare se il sindaco Ivan De Masi avesse mantenuto le promesse

Sono ritornati laddove il loro servizio aveva avuto inizio lo scorso 19 gennaio: in località Vora. Proprio di fronte ad uno dei due laghi di liquami che si sono creati negli anni per l’accumularsi del materiale non depurato proveniente dalla fogna. Fabio e Mingo, i due inviati pugliesi di Striscia la notizia, hanno fatto nuovamente tappa a Casarano, stavolta per verificare se le promesse siglate dal sindaco Ivan De Masi in occasione della loro prima visita fossero state effettivamente mantenute. I nodi al fazzoletto erano due: l’attivazione entro un mese del depuratore realizzato 20 anni fa e mai entrato in funzione e la pulizia del canale del Raho. Risposta positiva: entrambi gli impegni sono stati onorati. Striscia la notizia_Il backstage del servizio sul depuratore di CasaranoStriscia la notizia_Il backstage del servizio sul depuratore di Casarano Striscia la notizia_Il backstage del servizio sul depuratore di CasaranoStriscia la notizia_Il backstage del servizio sul depuratore di Casarano Striscia la notizia_Il backstage del servizio sul depuratore di CasaranoStriscia la notizia_Il backstage del servizio sul depuratore di Casarano E non è tutto. Perché per il Tacco d’Italia, De Masi ha stretto un terzo nodo al fazzoletto: la trasformazione entro un anno dalla concessione del finanziamento – già richiesto alla Regione – dei campi di spandimento in laghetti artificiali per la realizzazione del “Parco acquatico e degli ulivi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!