Si finge “Sconsy” su Facebook e lei la denuncia

Sostituzione di persona e contraffazione di marchio registrato i reati ipotizzati a carico di una 25enne residente a Guagnano e tradita dalla passione per l'attrice comica

Rischia di costar caro ad una 25enne originaria di San Pietro Vernotico ma residente a Guagnano, la passione per la nota attrice Anna Maria Barbera, meglio conosciuta come Sconsolata o Sconsy. La giovane ammiratrice avrebbe, infatti, secondo quanto emerso nell’avviso della conclusione delle indagini preliminari, condotte dal pubblico ministero Giovanni Gagliotta, creato sul social network Facebook un falso profilo della comica torinese, chiamandolo “Sconsolata Anna Maria Barbera”, utilizzando inoltre in modo illegittimo il marchio regolarmente registrato denominato Sconsy e traendo così inganno un gran di numero di persone, convinte di trovarsi di fronte alla vera Sconsolata. Da qui la denuncia presentata la scorsa estate dal legale della Barbera,che ha dato il vi alle indagini. I reati ipotizzati a carico della giovane salentina sono sostituzione di persona e contraffazione di marchio registrato. La fan di Sconsy potrà consolarsi, è proprio il caso di dirlo, sapendo che vi sono almeno altri tre casi simili segnalati dalla stessa attrice comica alla magistratura. Probabilmente, dopo i guai giudiziari, la protagonista di questa vicenda si appassionerà qualche altro attore comico.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!