Confindustria. Barbetta presidente della Sezione Abbigliamento

Per acclamazione l’assemblea della Sezione Abbigliamento di Confindustria ha eletto presidente per il prossimo triennio, Luciano Barbetta

La proclamazione, avvenuta pochi giorni fa, ha visto l'elezione di Luciano Barbetta, della Barbetta srl di Nardò, come presidente della Sezione Abbigliamento di Confindustria per i prossimi tre anni. Luciano Barbetta, dopo aver ringraziato i colleghi per la fiducia accordatagli, ha subito sottolineato come il settore stia pagando fortemente lo scotto della crisi: “le nostre aziende hanno bisogno di una progettualità concreta per risalire la china e recuperare competitività”. È intenzione del presidente Barbetta collaborare insieme a tutti i colleghi su alcune leve imprescindibili per cogliere le opportunità che verranno dalla ripresa: qualità e servizio, formazione, fare squadra e legame con il territorio, etica sociale, progetti di ricerca, campionari innovativi ed aiuti alla commercializzazione. “Qualità, squadra, formazione ed innovazione dunque per affrontare in maniera sempre più forte i mercati internazionali, verso cui questa presidenza – continua Barbetta – avrà massima attenzione. L’innalzamento del target di produttività e qualità si può raggiungere esclusivamente con un lento e costante miglioramento delle professionalità interne – dalla manodopera al management – per cui si cercherà di proporre misure a favore delle imprese che, da un lato, intendono riqualificare le produzioni e che, dall’altro, investono nella formazione continua del personale. E’ sotto gli occhi di tutti la delicata situazione in cui versano le imprese, per cui occorrerà approfittare di tutte quelle sinergie che nascono dall’associazionismo ed usufruire delle opportunità formative che il sistema confindustriale mette a disposizione”. Per quanto concerne il gioco di squadra il presidente Barbetta ha le idee chiare: “il salento ha dimostrato per troppo tempo una scarsa familiarità con la mentalità associativa e cooperativistica. Consorziarsi o creare dei mini distretti, nel rispetto comunque delle piccole realtà, permetterebbe, invece, di presentarsi sul mercato con un maggiore potere contrattuale e – quali entità più grandi – proporsi, anche, come piattaforme logistiche pronte a soddisfare le esigenze del mercato. In tale ottica si contribuirebbe ad anare il gap causato da una ubicazione geografica non tra le più favorevoli”. Grande spazio nel programma verrà dato poi all’etica e alla lotta a tutte le forme di illegalità, per promuovere invece la responsabilità sociale d’impresa di aziende trasparenti, sane, capaci di riscuotere grande fiducia da parte di banche ed investitori. “Solo in questo modo – conclude Barbetta – potremo tornare a far parlare di un made in Salento d’eccellenza. Il futuro delle nostre imprese si lega a tutto questo”. Sarà altresì affrontato il tema della creazione di ludoteche per le mamme lavoratrici che, nell'evoluzione della Società, hanno la necessità di maggior servizio rispetto a quello offerto dal contesto socio-familiare. Capitolo a parte merita il discorso sugli enti previdenziali. “E’ mia intenzione – conclude il neopresidente – promuovere un confronto con gli enti previdenziali per far sì che si proceda ad una sospensione o ad una dilazione delle posizioni debitorie contributive pregresse delle aziende, specie se riferite alla ‘tassa di ingresso’ da versare all'INPS per i lavoratori collocati in mobilità”. Vicepresidente della Sezione Abbigliamento è stata eletta Barbara Pianese – Api Operaie. Nel corso della stessa assemblea è stato votato il consiglio di Sezione del quale fanno parte, insieme al presidente ed alla vicepresidente: Claudio Barone – Incab; Salvatore Pennetta – Pennetta srl; Nicola Zippo – ISA. Hanno ricevuto la delega per il Comitato Piccola Industria lo stesso presidente Luciano Barbetta, mentre all’Internazionalizzazione Salvatore Pennetta.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!