Centrale a biomasse a Casarano. Il 13 la conferenza dei servizi

La Regione ha convocato la conferenza dei servizi sul progetto “Helinatos 2” presentato da Italgest Energia. La riunione è prevista a Bari per il 13 aprile alle ore 10.30

Si terrà il 13 aprile a Bari la conferenza dei servizi che prenderà in esame il progetto per la realizzazione di una centrale a biomasse nel territorio di Casarano presentato dalla società Italgest Energia. L’impianto, “Heliantos 2”, per la cogenerazione di energia elettrica e calore, alimentato da oli vegetali, con una potenza di 25 megawatt, dovrebbe sorgere nella zona industriale della città, nelle vicinanza del sito industriale del Gruppo Filanto. La convocazione della conferenza dei servizi da parte della Regione per le ore 10.30 del 13 aprile è stata comunicata lo scorso 16 marzo dal Servizio Energia di Via Capruzzi all’ufficio comunale ed alle altre amministrazioni competenti a vari livelli oltreché agli enti che dovranno esprimersi in merito al progetto: si tratta della stessa Regione, di Provincia e Comune, della Sovrintendenza per i beni architettonici e della Sovrintendenza per i beni archeologici, di Arpa, Asl, Terna, Enac, Enav, Enel ed altri. Sin dalla presentazione del progetto, l’impianto a biomasse di Italgest è stato al centro di un acceso dibattito che ha coinvolto politici e cittadini. Il 15 gennaio 2009 il Consiglio comunale decise di indire un referendum consultivo in merito che non è ancora stato convocato. La Lega tumori, intanto, in una lettera aperta, invita a bloccare il progetto che porterebbe con sé il rischio di incremento dei tumori.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!