Travel Trade Italia. La Camera di commercio c’è

Rimini. Dal 6 all’8 ottobre per promuovere il prodotto turistico salentino a livello internazionale

RIMINI – Anche quest’anno la Camera di Commercio di Lecce sarà presente con un proprio stand espositivo al TTI – Travel Trade Italia di Rimini, il principale workshop per promuovere il prodotto turistico “Italia” a livello internazionale. L’11esima edizione dell’evento si svolgerà nel quartiere fieristico riminese dal 6 all’8 ottobre. La Camera di Commercio di Lecce, nell’ambito del Protocollo d’intesa sottoscritto con la Provincia di Lecce per l’anno 2011 finalizzato a realizzare iniziative congiunte a supporto del sistema turistico salentino, parteciperà al TTI con uno spazio espositivo di 64 metri quadrati, completamente allestito e destinato agli operatori turistici salentini: tour operator e agenzie specializzate nel prodotto “Italia”, alberghi e strutture ricettive, consorzi turistici, servizi per il turismo, ecc. Le imprese avranno l’opportunità di accedere all’area riservata destinata agli appuntamenti con i buyers italiani ed esteri. Grazie alla collaborazione con il Consorzio BridgeEconomies, struttura del sistema camerale, verrà anche realizzato un catalogo on-line contenente un breve profilo delle imprese della provincia di Lecce selezionate, che verrà diffuso presso buyers accreditati attraverso anche il canale delle Camere di Commercio Italiane all’estero. Il TTI di Rimini è una enorme piazza di contrattazione tra domanda ed offerta. Tra il 6 e l’8 ottobre i buyer potranno contattare le aziende ricettive italiane per costruire e pianificare la commercializzazione dell'Italia del turismo sui mercati mondiali, per conoscere le novità dell'offerta e individuare prodotti inediti, per trovare nuovi partner e siglare accordi. Nell’edizione dello scorso anno si sono registrate 42mila 750 presenze (il 21% in più rispetto al 2009) e sono stati portati a termine 13mila appuntamenti tra domanda e offerta.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment