Alfonso Scarano con Ico

Con l’Orchestra della Fondazione “Ico” venerdì 9 al Politeama Greco il maestro Alfonso Scarano, già a Lecce lo scorso anno per la Stagione Lirica

di Daria Ricci Tanti applausi per il concerto di Pasqua nella chiesa di Santa Croce. Un’Orchestra Sinfonica quella della Fondazione “Tito Schipa” di Lecce ancora una volta molto apprezzata. Ed eccola domani al Politeama Greco di Lecce con il maestro Alfonso Scarano, già lo scorso anno a dirigere l’Orchestra, in occasione della Stagione Lirica della Provincia. La guidò egregiamente nel dittico “Gianni Schicchi” di Giacomo Puccini e “La Giara” di Alfredo Casella. Il programma musicale di questo quinto appuntamento, ideato dal direttore artistico e principale Marcello Panni, si aprirà con l’esecuzione della “Fuga ricercata n. 2” a sei voci dall’“Offerta musicale” di Johann Sebastian Bach (nella trascrizione per orchestra di Anton von Webern). Seguirà, poi, la “Sinfonia Concertante” di Wolfgang Amadeus Mozart per oboe, clarinetto, corno, fagotto e orchestra, dove solisti saranno le prime parti della “Tito Schipa” Giuseppe Contaldo, Roberto D’Urbano, Sergio Polimeno più la tarantina Anna Rita Schirano al corno. Infine, “Rossiniana”, prova di trascrizione orchestrale di grande virtuosismo, in linea con il secondo tema della Stagione, incentrato sull’arte del trascrivere, appunto. L’autore, Ottorino Respighi, nel 1925, dopo il successo internazionale del balletto “La Boutique Fantasque” scritto per Diaghilev e in piena moda neoclassica, ritorna ad affrontare temi del suo conterraneo, Gioachino Rossini, ma questa volta in forma di suite puramente sinfonica. Il concerto sarà introdotto da una conversazione con il critico musicale del quotidiano “La Repubblica” e il conduttore e consulente musicale di Radio Tre, Guido Barbieri.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!