José Martìnez ospite dell’Università del Salento

L'incontro con il Presidente spagnolo sugella i rapporti di scambio culturale che ormai da anni intercorrono tra l'Università del Salento e quella di Valladolid

Il 9 aprile, a partire dalle ore 16.30 al Teatro Paisiello di Lecce, il Presidente del Congresso dei Deputati spagnolo José Bono Martìnez sarà ospite dell’Università del Salento per una conferenza sul tema “Reflexiones sobre la Transición española”: un’occasione per fare il punto sulla storia politica spagnola contemporanea, e in particolare sulle specifiche modalità di transizione dalla dittatura all’attuale monarchia parlamentare. L’incontro, patrocinato dalla Camera dei Deputati, vedrà gli interventi del Rettore Domenico Laforgia, del sindaco di Lecce Paolo Perrone, del Preside della Facoltà di Giurisprudenza Raffaele De Giorgi, dei docenti Enrico Cuccodoro e Vincenzo Tondi della Mura e del delegato del Rettore ai Rapporti con la Spagna Gennaro Loiotine. L’incontro è stato fortemente voluto nell’ambito delle attività di internazionalizzazione dell’Università del Salento, che conta oltre 600 accordi di scambio Erasmus e quasi 200 intese con centri internazionali. Una convenzione quadro con l’Università spagnola di Valladolid è in piedi già dal 2004, e dal 2007 con l’Università autonoma di Madrid. Tra l’Università del Salento e quella di Valladolid sono numerosi gli scambi culturali tra studenti e docenti, e sono stati avviati progetti di ricerca congiunti nei settori dell’economia e dell’ingegneria aerospaziale. È dello scorso febbraio la presenza nel Salento di Jesús Quijano, deputato socialista e professore di Diritto commerciale presso la stessa Università di Valladolid. Da segnalare, infine, i gemellaggi siglati tra il Comune, la Camera di Commercio e l’Ordine degli Architetti di Lecce e le equivalenti istituzioni di Valladolid.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!