Rapina alla Bnl, arrestato presunto colpevole

L'uomo, un 24enne leccese incensurato, avrebbe compiuto almeno due rapine. E' caccia ai presunti complici

C'è un primo arresto per la rapina compiuta ieri alla Bnl di Lecce. Un uomo di 25 anni, Manuel Prinari è stato arrestato dagli agenti della Squadra Mobile di Lecce, ai quali Prinari avrebbe ammesso le sue responsabilità, senza però rivelare il nome del complice. Nel corso della perquisizione eseguita presso l’abitazione dell’arrestato alla periferia di Lecce, i poliziotti hanno trovato gli indumenti usati dai rapinatori, guanti in lattice, taglierini e parte del bottino. Una seconda persona è stata identificata dalla Polizia. L’uomo però si è reso irreperibile ed è attualmente ricercato. Gli agenti stanno inoltre cercando di risalire all’identità di un terzo complice, il conducente dell’auto con cui i rapinatori si sono dati alla fuga. E’ stata proprio l’auto, una Citroen C1, a dare una svolta alle indagini. La targa, rilevata parzialmente dopo la rapina, coincideva, infatti, con quella di un’auto controllata da una “volante” lo scorso 24 marzo, condotta proprio da Prinari. I controlli incrociati hanno permesso di risalire all’uomo. Non è escluso inoltre che i presunti autori della rapina di ieri siano gli stessi di quella ai danni della filiale del banco di Napoli a Lecce, avvenuta il 15 marzo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!