Mobilità giovanile, parte da Lecce una rete internazionale

Questa mattina, a palazzo Adorno, la firma del protocollo d’intesa tra la Provincia e le organizzazioni straniere coinvolte nel progetto “Neighbours”. In programma, incontri e scambi tra giovani nei prossimi due anni

Mobilità e formazione giovanile, parte da Lecce una rete internazionale di associazioni. Questa mattina, a palazzo Adorno, la firma del protocollo d’intesa tra la Provincia e le organizzazioni straniere coinvolte nel progetto di partnership «Neighbours» (letteralmente «vicini di casa») organizzato nell’ ambito del programma comunitario «Gioventù in azione» e promosso dall’assessorato alle Politiche giovanili in collaborazione con Cts Lupiae. Scopo principale del progetto è la lotta alla disoccupazione giovanile attraverso l’organizzazione di meeting e scambi di giovani che avverranno nei prossimi due anni. I particolari dell’iniziativa sono stati illustrati dal presidente del Centro turistico studentesco Cts Lupiae, Rocco Lionetto, e dal rappresentante del gruppo internazionale Veronica Cerrada, partner spagnolo. Con la firma del protocollo d’intesa, i trenta partecipanti che provengono da dieci Paesi europei – oltre all’Italia, Malta, Romania, Cipro, Ungheria, Estonia, Polonia, Spagna, Portogallo, Grecia, Bulgaria – si sono impegnati a costituire una rete telematica internazionale che faciliterà la messe in opera delle azioni comuni programmate a Lecce. «L’incontro – spiega l’assessore provinciale al ramo Bruno Ciccarese – è servito per rafforzare la collaborazione e il rapporto di amicizia tra i partecipanti, con l’obiettivo di dare luogo ad un dialogo strutturato che permetta una programmazione comune dei meeting e degli scambi tra i ragazzi. In questo modo ci auguriamo di inserire più saldamente il territorio leccese e i nostri giovani all’interno di un circuito di organizzazioni internazionali che opereranno motivate da interessi e obiettivi comuni, dando così una risposta alla problematica, molto sentita tra i giovani salentini, sul mancato o non compiuto senso di appartenenza all’Unione Europea, sul loro sentirsi tagliati fuori per semplici ragioni geografiche o per più seri problemi sociali dalle possibilità offerte dai programmi europei, e sulla loro, troppo spesso dimenticata, partecipazione attiva nelle questioni che li riguardano».

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!