Lecce, tornerà a splendere il liceo musicale “Tito Schipa”

La Provincia ha approvato il progetto di ristrutturazione per una spesa di 1 milione e 545mila euro. L'ex liceo musicale diventerà sede del museo dedicato al grande tenore leccese

Con una spesa di 1 milione e 545mila euro, la Provincia di Lecce provvederà alla ristrutturazione della sede della Fondazione “Tito Schipa” ex Liceo Musicale ‘Tito Schipa’, in viale dell’Università a Lecce. Il progetto esecutivo, approvato dalla piunta provinciale, prevede gli interventi che serviranno a restituire alla collettività una struttura risanata, ammodernata e messa in sicurezza. L’edificio di interesse storico, in stato di precarietà statica e funzionale, sarà interessato da lavori di restauro conservativo (risanamento statico e recupero funzionale), di adeguamento alle norme di sicurezza riguardanti la prevenzione incendi e l’eliminazione delle barriere architettoniche In particolare saranno rifatti tutti i solai, i servizi igienici, gli impianti, i pavimenti e gli infissi. Saranno recuperati anche la facciata esterna ed il cortile interno. Al primo piano sarà realizzata una sala insonorizzata destinata alle prove dell’orchestra della Fondazione ICO. LE ORIGINI L’edificio, ex sede del Liceo Musicale di Lecce intitolato a Tito Schipa, fu realizzato in rustico dal grande tenore leccese su un suolo concesso dal Comune di Lecce, successivamente completato da un apposito Consorzio costituito nel 1933 da Comune, Provincia e Camera di Commercio di Lecce. Il nuovo edificio fu collaudato nel 1942 e venne destinato ad istituto di istruzione ed educazione musicale. Fino al 1970 ha svolto attività didattica il Liceo Musicale ‘Tito Schipa’. Dal 1971 fino al 1980 è stata sede del Conservatorio Musicale di Lecce. Nel 1980 è diventato sede dall’Orchestra Sinfonica della Provincia di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!