Il Premio Barocco torna a Gallipoli

Appuntamento l'11 giugno nel teatro Italia di Gallipoli

La Galatea salentina ritorna sulle rive dello Jonio. La 41esima edizione del Premio Barocco si terrà infatti a Gallipoli l'11 giugno. Lo ha annunciato in una conferenza stampa il patron della manifestazione, Fernando Cartenì. La kermesse targata Rai, quindi, torna nella città in cui è nata dopo che per tre anni si era svolta a Lecce in base ad un contratto di programma siglato tra Comune e organizzatori. Nei mesi scorsi c'erano stati anche dei contatti tra Cartenì e il presidente della Provincia di Bari, Francesco Schittulli, che aveva invitato il patron a valutare la possibilità di spostare lo spettacolo nel capoluogo pugliese offrendo come possibile location il Teatro Petruzzelli. Quest'anno il Premio Barocco si svolgerà per la prima vola al chiuso,all'interno del Teatro Italia di Gallipoli, dopo che nelle passate edizioni era stato ospitato nell'area portuale della città jonica e nell'area Ex Carlo Pranzo di Lecce. La conduzione della serata spetterà ad un presentatore che sarà scelto tra Carlo Conti, Fabrizio Frizzi, Antonella Clerici e Milly Carlucci. Confermata la formula che vedrà, oltre alla serata in diretta di Rai Uno e Rai International, anche altri appuntamenti paralleli nel corso dei giorni precedenti l’evento, volti a coinvolgere target differenti di pubblico, per una manifestazione che si evolve e si trasforma nel tempo, pur tenendo costanti i fattori di gradimento di un pubblico rivelatosi sempre più numeroso e fedele del corso degli anni. Ancora una volta, la Galatea salentina del maestro Egidio Ambrosetti sarà protagonista del palcoscenico della serata Rai. Ancora una volta, la Nereide dal panneggio bagnato, potrà tornare sulle rive di quel mare che la vide nascere e ispirarsi ben oltre quarant’anni fa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!