Auto contro muro sulla Mesagne-San Pancrazio. Due le vittime, una è leccese

Le vittime sono Claudia Falconieri, 25 anni di Lecce, e il suo fidanzato Rossano Conte, di San Pancrazio. Feriti altri due giovani, Francesca Tamborino, di Lecce, e Donato Stridi, di San Pancrazio, entrambi ricoverati al “Perrino” di Brindisi

E’ di due morti e due feriti gravi il tragico bilancio di un incidente stradale avvenuto la notte scorsa sulla strada provinciale che collega Mesagne a San Pancrazio salentino. Coinvolti quattro giovani che intorno alle 4 rientravano a casa dopo aver trascorso una serata in discoteca. I due ragazzi originari di San Pancrazio salentino e le due ragazze di Lecce, tutti tra i 25 e i 26 anni, viaggiavano a bordo di una Lancia Y. Nei pressi di una curva pericolosa, l’auto è uscita di strada schiantandosi contro un muretto e poi contro un albero. Nel violentissimo impatto hanno perso la vita il conducente della vettura Rossano Conte, di San Pancrazio, e la passeggera Claudia Falconieri, di Lecce. Gravemente feriti gli altri due passeggeri che erano seduti sui sedili posteriori. Si tratta di Francesca Tamborino, di Lecce, e di Donato Stridi, di San Pancrazio. Entrambi sono stati ricoverati in prognosi riservata presso l’ospedale “Perrino” di Brindisi. La ragazza appare al momento in condizioni più gravi. Stridi invece non corre pericolo di vita, ma è ricoverato in Neurochirurgia e rischia la paralisi delle gambe.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!