“Design…che barba”

A Lecce due iniziative sul tema del bagno a cura di Mast, mostre d'arte spazi temporanei

Mast, mostre d’arte spazi temporanei, con il patrocinio della Città di Lecce, presenta due iniziative tra loro correlate aventi come oggetto il tema del bagno: – Bagno/giardino, un allestimento, presso lo spazio Foresta, come simbolo di reintegrazione dell’umanità al ciclo naturale della vita, riscatto della società attraverso una riconnessione profonda di questa con la Natura o meglio ancora con la Propria Natura – “Design… che barba”, un progetto pilota e rappresentativo del nuovo modo di pensare al design. Un progetto che si sviluppa tra Lecce e Milano, dove si inserisce a pieno titolo nel grande evento della primavera 2010 del Fuori Salone all’interno del Salone del Mobile e del Bagno. All’interno di questo progetto sono stati coinvolti gli artisti, i designer, le diverse figure che operano nel campo dell’arte. Il tema sul quale è stato chiesto di confrontarsi è quello del mobiletto/specchio da bagno. Il risultato è la realizzazione di prototipi di opere di design, che potrebbero essere inserite in una catena di produzione, rivisitazioni di vecchi modelli o anche singole opere di valore artistico. Le opere realizzate saranno esposte: a Lecce fino al 6 aprile, presso lo spazio Foresta, in via Federico D’Aragona (angolo chiesa San Matteo) nell’ambito dell’allestimento Bagno/giardino curato sempre dal gruppo MAST e, singolarmente, in spazi espositivi temporanei dislocati in città; a Milano, dal 14 al 20 aprile, in occasione del Fuori Salone al Twelve in via Sabotino 12. Mast, mostre d’arte spazi temporanei, è il luogo nuovo per l’artigianato (inteso come arte di realizzare con le mani), luogo in cui si può fare innovazione mostrandosi, luogo interattivo tra la produzione creativa ed il più ampio network dell’industria locale e globale. L’obiettivo dell’associazione è sperimentare nuove tecnologie; inventare nuovi approcci al mondo della progettazione e della produzione; creare una vera e propria rete tra il progetto, il prodotto, l’impresa ed il pubblico.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!