In centro a Lecce, la boutique del falso

Operazione della Guardia di finanza

1.200 capi contraffatti che avrebbero fruttato un totale di 100mila euro. Un blitz della Guardia di finanza ha scoperto un bazar di capi d’abbigliamento e calzature falsi nei pressi di Porta San Biagio

Al momento del blitz della Guardia di finanza di lunedì scorso, nel bazar ricavato nei pressi di Porta San Biagio a Lecce, proprio nel cuore della movida del capoluogo salentino, c’erano diversi clienti. Molti dei quali appartenenti agli ambienti della “Lecce bene”. Ma ancora non si sa se questi fossero consapevoli del fatto che i capi che stavano guardando, e probabilmente acquistando, erano contraffatti o se semplicemente credevano che i capi fossero solo lievemente fallati (elemento che avrebbe fatto abbassare nettamente il prezzo rispetto al listino). Merce per oltre 100mila euro di valore alla vendita. Capi d’abbigliamento ma anche calzature (1.200 in tutto, griffati dai marchi più prestigiosi a livello internazionale) con prezzi che, sulla scatola, erano esattamente corrispondenti ai prezzi del negozio (salvo poi ottenere sconti fino al 50 per cento). Il titolare dello show room, un 47enne di Carmiano, dove si accedeva solo per appuntamento, non era proprio nuovo alle visite della Finanza. L’anno scorso era già stato denunciato per contraffazione e ricettazione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!