Cattiva postura? Rischio deficit visivi

Uno studio pubblicato dall’optometrista Luigi Seclì sulla “Rivista italiana di optometria” collega una cattiva postura nei bambini al danneggiamento della vista

Una cattiva postura nei bambini in età scolare può avere effetti dannosi sulla vista. Lo dimostra uno studio pubblicato da Luigi Seclì, ottico optometrista di Casarano e docente a contratto presso l’Università del Salento, su “Rivista italiana di Optometria”. La ricerca è stata svolta nelle province di Lecce e Brindisi da circa 30 elementi tra ottici optometristi e studenti. Sono stati esaminati 900 bambini di età compresa tra i sei ed i dieci anni. I componenti del team che ha condotto la ricerca sono tutor e colleghi: Luigi Seclì, Giuseppe Sicoli, Vincenzo Martella, Giuseppe Ciarfiera, Giuseppe Palmisano, Nicola Palmisano, Fernando Luceri, Maria Assunta Gorgoni, Daniela Antonucci, Raffaele Perrone, Donato Di Punzio, Gian Paolo Staffieri, Giovanni Marino. Gli studenti che hanno partecipato sono: Maria Grazia Carlino, Duilio Mauro, Paola Altamura, Daniela Bonafede, Caterina De Ronzi, Giuliana De Pascalis, Ilaria Tommasi, Laura Aprile, Chiara Cuppone, Elena Rizzo, Silvia Schirinzi, Annachiara Palumbo, Valentina Capuano, Giuseppe Cordella, Davide Toscano, Angela Polosa, Angelo Caniglia. Lo studio è stato condotto grazie alla collaborazione di Università, circoli didattici, Albo degli ottici optometristi. L’Università del Salento ha portato il suo contributo in termini di progetto, tutor del programma di ricerca, studenti interessati a collaborare ed attrezzature disponibili. I circoli didattici hanno collaborato nella prima fase di screening e al commento dei dati finali. L’Albo degli optometristi hanno messo a disposizione tutor e strumentazione necessaria alla buona riuscita dello screening. In allegato la ricerca così come è stata pubblicata dalla rivista italiana di optometria.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!