Sesso e droga con due quindicenni: arrestati

Un 37enne e un 24enne di Gagliano sono stati arrestati con l'accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e violenza sessuale

I Carabinieri della Stazione di Gagliano del Capo hanno arrestato, in esecuzione di un’ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Lecce, Annalisa De Benedictis, Lucio Bisanti, detto Bambinella, e Valerio Ciardo, rispettivamente 37enne e 24enne, entrambi del posto, per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e violenza sessuale. Il 20 febbraio una ragazza di quindici anni giunse al pronto soccorso dell’ospedale “G. Panico” di Tricase dopo aver accusato un malore per aver assunto della droga. La minorenne fu immediatamente ricoverata al Reparto di terapia intensiva in seguito fu sentita dai Carabinieri. La ragazza si sarebbe recata con un’amica da “Bambinella” per acquistare delle “canne”. Il Bisanti avrebbe poi convinto le due ragazza a seguirlo a casa di un amico. Qui, in compagnia di Ciardo, i quattro avrebbero assunto della cocaina. I due arrestati avrebbero poi preteso dei rapporti sessuali in cambio della droga. La vittima si sarebbe rifiutata, accusando subito dopo un malore. Allaramati Bisanti e Ciardo avrebbero dunque abbandonato le due quindicenno, dandosi alla fuga. Solo il senso civico di due fratelli di Gagliano e l’immediato intervento del 118 ha evitato che la storia prendesse un ben più tragico epilogo. Il Gip, concordando pienamente con le conclusioni cui sono giunti i Carabinieri della Stazione di Gagliano del Capo ed il sostituto procuratore Rizzo, ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di Bisanti ed degli arresti domiciliari a carico di Ciardo che.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!