Ortelle apre la cripta di Santa Maria della Grotta

Porte aperte agli appassionati d’arte e tradizioni in occasione della XVIII edizione della Giornata FAI di Primavera. Oggi e domani si può visitare la cripta di Santa Maria della Grotta

La “Cripta di Santa Maria della Grotta” del parco San Vito di Ortelle apre le porte ai visitatori e agli studenti per far rivivere per due giorni (27 e 28 marzo) nell’abito della “XVIII edizione della Giornata FAI di Primavera”, la solennità del proprio splendore. “Aspiranti Ciceroni” si intitola l’iniziativa degli alunni della classe V della scuola primaria e delle classi III A e III B della Secondaria di 1° grado di Ortelle (Istituto Comprensivo di Spongano), con la quale si permetterà agli ospiti di far conoscere l’unicità degli affreschi presenti all’interno Cripta e coinvolgere le nuove generazioni in attività ed iniziative culturali e formative sui temi dell’arte, dell’ambiente, della cultura e della storia. Le attività sono state sviluppate in diversi momenti, ma la sintesi di tutto il lavoro sarà presentato in queste Giornate di Primavera, quando gli alunni, coordinati dalle docenti Anna Clorinda Maggio, Leonarda Saracino e Domenica Pede, si cimenteranno a fare da “Ciceroni” ai visitatori e presenteranno inoltre i loro elaborati scritti e grafici, dalla mattina al pomeriggio (ore 10,00-13,00 e ore 16,00-20,00). “La partecipazione al progetto rientra in un percorso formativo di esercizio della cittadinanza attiva, che mira a far conoscere, amare, tutelare e valorizzare il territorio attraverso le opere che testimoniano le nostre radici storiche”, spiega Eufemia Musarò, dirigente scolastica. Inoltre sempre nelle vicinanze della cripta i visitatori potranno ammirare la mostra “Lapides Sacri – Frammenti di Religiosità Rupestre” del pittore Antonio Chiarello e gustare prodotti tipici locali presso “Lu Campu” adiacente al Parco.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!