«Pasquetta in città» a Lecce

Il centro storico ospiterà per l’intera giornata del 5 aprile manifestazioni e intrattenimento di ogni genere. E il giorno dopo, l'appuntamento con lu Riu, la Pasquetta dei leccesi, nel parco del Rauccio

Prima de «Lu Riu», la Pasquetta quest’anno si festeggia in città. Il centro storico di Lecce ospiterà per l’intera giornata del 5 aprile manifestazioni e intrattenimento di ogni genere. Le piazze e i vicoli del cuore antico di Lecce si trasformeranno in allegro palcoscenico all’aperto con musica, mostre di pittura, artisti di strada, caricaturisti e spazi dedicati ai bambini. E il giorno dopo, come tradizione vuole, tutti al parco del Rauccio. «Pasquetta in città» è un’iniziativa promossa dall’assessorato al Turismo del Comune e curata dalla società «Musica e Dintorni» di Pino Spano. «È un evento studiato per accontentare i tanti turisti che verranno a visitare le nostre città – spiega l’assessore Massimo Alfarano – e offrire un’alternativa ai leccesi, che inizieranno la festa il lunedì, per poi concluderla il giorno dopo con la tradizionale Pasquetta leccese, lu Riu». Sono tante le band musicali che suoneranno dal vivo, tra cui anche gruppi itineranti (Large street band e Magicaboola Brass band) che attraverseranno la città sei volte nell’arco della giornata, per concludere in serata, tutti insieme, in Piazza Sant’Oronzo: New Harlem acoustic duo (blues), Almoraima (flamenco), Shote Marshalla, Joe Pesci blues band, Andrea Favatano e Luca Alemanno (jazz). L’anfiteatro romano si offre come scenario naturale per lo svolgimento dei concerti di musica popolare. Oltre alla musica, in programma anche uno spettacolo di cine-teatro-danza aerea, con artisti che si esibiranno a quattro metri d’altezza. La villa comunale, invece, sarà attrezzata per i più piccoli e per le loro famiglie, con animazioni, giochi e campi da mini-golf. È previsto inoltre un percorso panoramico per le vie del centro storico con l’attivazione di trenini turistici. In piazza Sant’Oronzo, saranno presenti due info-point dell’organizzazione per guidare e informare i turisti sullo sviluppo della giornata. «Dopo essere entrata nella “top ten” di una delle guide della celebre casa editrice australiana Lonely Planet, dedicata alle dieci destinazioni più belle ed allo stesso tempo convenienti da visitare, Lecce sarà sempre più al centro dei sogni e delle conquiste dei viaggiatori – sottolinea Pino Spano, di Musica e Dintorni – proprio per questo proponiamo una Pasquetta alternativa alle solite gite fuoriporta individuando nella città il fulcro e il motore di un network internazionale, eterogeneo e vivace. Un modo per destagionalizzare l’offerta turistica creando uno sviluppo reale che porti beneficio alla collettività». La manifestazione proseguirà poi il giorno successivo, martedì 6 aprile, con la tradizionale «Pasquetta dei leccesi» («Lu Riu») che per tradizione cade il martedì dopo la Pasqua e si svolge nel Parco di Rauccio. In programma svariate iniziative, tra cui un itinerario naturalistico nell’antica “foresta di Lecce”, attività di trekking alla ricerca dei segni della presenza dell’acqua e di orienteering nel parco, giochi d’avventura ambientati nell’età preistorica e un concerto di musica popolare del gruppo Mute Pietre.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!