Incidente mortale alle porte di Lecce

Con il suo scooter ha sbattuto contro due auto. E' morto al “Vito Fazzi” di Lecce. Domani avrebbe dovuto aprire un negozio di alimentari

Domani avrebbe dovuto inaugurare un negozio di alimentari tutto suo. Purtroppo non lo farà mai. Perché Francesco Miglietta, 37enne di Trepuzzi, è deceduto ieri mattina sotto i ferri presso l’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. I medici hanno tentato di fare il possibile per salvargli la vita, appesa ad un filo, ma non ce l’hanno fatta. Miglietta è rimasto coinvolto in un brutto incidente stradale; finito con il suo scooter Suzuki Burgmann 400 contro due auto, ha battuto più la volta la testa sulle vetture e poi sull’asfalto, e ciò, nonostante indossasse il casco, gli è stato fatale. Il 37enne si trovava in via Taranto, nei pressi del rondò, ma all’incrocio con via Belloluogo è andato a sbattere contro una Fiat Punto che si muoveva in direzione Campi-Trepuzzi. Pare che la Punto abbia girato a sinistra per accedere al piazzale del parcheggio della sede della Dhl e, nella manovra, non si sia accorta dello scooter in arrivo. Ma questo non è stato l’unico impatto perché Miglietta sarebbe andato a sbattere anche contro una Citroen C2 che si trovava a pochi metri di distanza dalla Punto. Oggi a mezzogiorno il magistrato di turno, Lino Bruno, affiderà al medico legale l’incarico di effettuare l’autopsia sul corpo del 37enne; l’esame servirà a stabilire quali lesioni siano state causate dalla Punto, quali dalla C2 e quali siano state effettivamente fatali. Tutti i veicoli coinvolti nell’incidente sono stati sottoposti a sequestro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!