Lecce, scomparso 29enne

Da sabato scorso si sono perse le tracce di Ugo Favatano, 29enne imprenditore leccese. Sulla vicenda indagano i Carabinieri del Norm

E’ ancora un mistero la scomparsa di Ugo Favatano, 29 anni, sparito nel a sabato pomeriggio. Di lui si sono perse le tracce poco dopo le 16: Ugo ha salutato i genitori, con cui vive, e si è diretto verso il noto pub “Tennent’s Grill” in via Taranto, di cui è socio. Nel locale, però, Ugo non c’è mai arrivato. Da allora il suo telefono cellulare risulta spento e nessuno lo ha più visto o ha ricevuto sue notizie. Altezza e corporatura media, capelli castano chiari e barbetta rada, il giovane imprenditore leccese sembra essere sparito nel a, così come la sua auto, una Alfa 147 grigia targata CE196LX. Al momento della scomparsa indossava una camicia nera con una zip, un paio di jeans scuri ed un giubbotto grigio chiaro con inserti neri. Un vero e proprio mistero cui amici e parenti non sanno dare riposta. Il coro di voci è unanime: un bravo ragazzo, tranquillo e senza alcun problema, senza vizi e gran lavoratore. Ma dov’è finito Ugo Favatano? Un interrogativo cui saranno, con ogni probabilità, le indagini del Norm dei Carabinieri di Lecce a dare risposta. Così come ad altri passaggi insoliti di questa vicenda. Ad esempio perché abbia portato con sé il computer portatile, o il ritrovamento del passaporto nella sua abitazione. Nessuna fuga dunque, almeno all’apparenza. Non sembra, inoltre, che il giovane scomparso abbai prelevato somme di denaro. Le ricerche dei carabinieri si stanno sviluppando a 360 gradi. Per il momento, però, il telefono di amici e parenti continua a rimanere muto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!